Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

AL "DRUSO" C'E' IL PORDENONE: IL SÜDTIROL VUOLE FARE TRIS

Non c'è due senza tre. In casa Fc Südtirol se lo augurano tutti, ma il match di domani pomeriggio, sabato 29 novembre (calcio d'inizio alle ore 15), contro il Pordenone, racchiude ben più di un'insidia. E' vero che i friulani sono ultimissimi in classifica, hanno raccolto appena 5 punti in 14 partite e in trasferta hanno collezionato 7 sconfitte in altrettante gare, ma è altrettanto vero che la compagine neroverde è reduce dal terzo cambio d'allenatore e quella del "Druso" è una sorta di ultima spiaggia per il Pordenone.
 
Ecco perché, a dispetto della classifica e dell'ottimo momento che sta attraversando la formazione di Adolfo Sormani, sarà vietato pensare alla sfida di sabato pomeriggio come una semplice formalità. L'Fc Südtirol è in un eccellente momento di forma e le due vittorie di fila (senza incassare reti) ottenute contro Lumezzane e Torres hanno restituito morale alla truppa biancorossa e migliorato sensibilmente la classifica che, numeri alla mano, è tornata a farsi interessante.
Che la compagine altoatesina abbia cambiato marcia da quindici giorni a questa parte è un dato di fatto, così come è innegabile che la squadra abbia ancora incredibili margini di miglioramento: ecco perché la sfida contro il Pordenone (che ha perso le ultime sette partite) è di fondamentale importanza.
Complessivamente saranno ben quattro gli ex di turno, uno tra le fila biancorosse e ben tre tra i friulani. L'attuale guida tecnica dell'Fc Südtirol Adolfo Sormani militò infatti nel Pordenone nella stagione 1998/99 in serie D, disputando la sua penultima stagione da giocatore (era un trequartista dai piedi educatissimi), prima di appendere gli scarpini al chiodo a Mestre nel 2000.
Gli ex biancorossi che oggi vestono la casacca neroverde sono invece tre. A partire da Michael Bacher, altoatesino doc, cresciuto nel vivaio biancorosso e grande protagonista della promozione dalla Seconda alla Prima Divisione nella stagione 2009/2010. Complessivamente ha disputato sei campionati di serie C2 (111 presenze e 5 reti) e uno di Prima Divisione (12 presenze nel 2010/2011) con la maglia dell'Fc Südtirol. 
Poi ecco Francesco Uliano, centrocampista mancino classe '89, che a Bolzano ha giocato dal 2011 al 2013 per un totale di 60 presenze in due stagioni, e l'estremo difensore Gianni Careri che, all'epoca 19enne, fu il portiere titolare della prima squadra biancorossa in serie C2 nella stagione 2001/2002 con Attilio Tesser in panchina: nell'allora campionato di Quarta Serie vigeva la regola degli under e Careri totalizzò complessivamente 34 presenze, 32 nella regular season e 2 nella doppia semifinale playoff disputata contro il Brescello.

I nostri avversari ai raggi "X". Reduce dal terzo cambio in panchina della stagione con Fabio Rossitto che ha appena preso il posto di Luciano Foschi (che, a sua volta, aveva avvicendato Lamberto Zauli dopo la quinta giornata), il Pordenone ha disperato bisogno di punti salvezza. Out per infortunio i difensori Tommaso Ghinassi e Riccardo Fissore (4 presenze in serie A con Lecce e Atalanta, 215 presenze e 6 reti in serie B con Vicenza e Mantova) e con l'attaccante Emil Zubin ormai in partenza (dovrebbe accasarsi ai Biancoscudati Padova), Rossitto si affiderà presumibilmente al "3-5-2". Tra le fila friulane gli osservati speciali saranno l'esperto difensore Maurizio Peccarisi (278 "gettoni" e 2 gol nel torneo cadetto con Reggina, Ancona, Torino, Triestina, Rimini, Salernitana, Ascoli e Avellino), Daniele Rosania (16 presenze in serie B con la Virtus Lanciano), il centrocampista Daniele Mattielig (17 presenze in serie B con il Portogruaro) e i due attaccanti Denis Maccan (22 presenze e 1 gol in serie B con il Brescia) e Riccardo Barbuti (6 presenze in serie B con il Sassuolo), entrambi a segno due volte nella stagione corrente.

I precedenti tra i due club. In ambito professionistico l'Fc Südtirol e il Pordenone si sono affrontati solamente due volte, entrambe risalenti alla stagione 2003/2004 quando le due formazioni erano inserite nel girone A dell'allora campionato di serie C2. Nel match d'andata il Pordenone, guidato da Italo Giorio, superò per 2 a 1 i biacorossi con reti di Pasa e Temporini a cui replicò solamente Noselli dal dischetto, mentre nel return match del "Druso" l'Fc Südtirol s'impose con il medesimo punteggio sui friulani grazie alla doppietta di Zecchin con punto della bandiera neroverde firmato da Pasa.


Lega Pro (Girone A) - Il programma della 15^ giornata
AlbinoLeffe - Giana Erminio (domenica 30 settembre, ore 12.30)
Como - Lumezzane (sabato 29 novembre, ore 16)
Cremonese - Arezzo (sabato 29 novembre, ore 14.30)
Fc Südtirol - Pordenone (sabato 29 novembre, ore 15)
Feralpisalò - Pro Patria (domenica 30 novembre, ore 16)
Monza - Alessandria (sabato 29 novembre, ore 17)
Novara - Mantova (venerdì 28 novembre, ore 19.30)
Real Vicenza - Torres (domenica 30 novembre, ore 14.30)
Renate - Pavia (domenica 30 novembre, ore 18)
Unione Venezia - Bassano Virtus (domenica 30 novembre, ore 18)

La classifica
Bassano Virtus* 28 punti; Pavia 27; Real Vicenza 26; Novara 25; Alessandria*, Como*, Monza* e Feralpisalò 23; Arezzo 22; Unione Venezia e Fc Südtirol 19; Mantova 17; Torres*, Giana Erminio e Renate 16; Cremonese* e Lumezzane 13; Pro Patria 11; AlbinoLeffe 10; Pordenone 5.
*: una partita in meno.
 
 
 
 

 Vai alla lista 
Prossima partita
FC Südtirol giovanili
 
 
 
VS.
 
FC Südtirol   Vicenza Calcio
 
 
Do, 29. Ottobre 2017 - 14:30
 
Stadio "Druso" - Bolzano
 
  Ticket Online  
 
 
0
0
0
0
giorni Ore Min. Sec.