Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

AL DRUSO UN MONDAY NIGHT IMPERDIBILE CONTRO LA CAPOLISTA TRAPANI

“Ci rimettiamo in cammino, dopo la sosta, più motivati e convinti di prima. La sconfitta contro il FeralpiSalò è stato un incidente di percorso che vogliamo subito archiviare, stimolati dalla sfida con quella che considero la squadra più forte del campionato, e non solo perché occupa il primo posto in classifica. Il nostro obiettivo sono i playoff e abbiamo la necessità di tornare a muovere immediatamente la classifica per avvicinare il traguardo. E’ un momento cruciale della stagione, ed è per questo motivo che mi aspetto un pubblico delle grandi occasioni allo stadio Druso ”. Mister Stefano Vecchi chiama a raccolta i tifosi biancorossi in vista del big-match di questa sera contro il Trapani.
 
Dopo la sosta per le festività di Pasqua, il campionato di Prima Divisione Lega Pro si rimette in cammino con la disputa della dodicesima giornata di ritorno, nella quale il match clou è certamente rappresentato dal “Monday Night” in programma questa sera, lunedì 8 aprile, allo stadio Druso di Bolzano, dove – con calcio d’inizio alle ore 20.45 e con diretta tv su Rai Sport 1 - un Südtirol terzo in classifica e desideroso di riscattare la sconfitta a Salò, che ne ha rallentato ma non pregiudicato la corsa verso i playoff, riceve la visita della capolista Trapani, in serie utile da ben 12 partite grazie ad uno strabiliante score di 9 vittorie e 3 pareggi.
Per la formazione di mister Stefano Vecchi si tratta del terzo posticipo in notturna di questa stagione. I primi due sono stati entrambi vinti. A farne le spese il Portogruaro - sconfitto di misura per 1-0 con gol dell’ex biancorosso Riccardo Bocalon, ora al Venezia - e il Lumezzane, superato con un roboante 4-2 grazie alle marcature di Campo, favorito nell’occasione da una maldestra deviazione di un avversario, di Cappelletti, Thiam e Testardi.
Per consolidare la propria posizione in zona playoff, i biancorossi confidano ancora una volta nel fattore “Druso”, dove capitan Campo e compagni sono imbattuti, grazie ad un impareggiabile ruolino di marcia, avendo sin qui conquistato 30 dei 45 punti che detengono in classifica, per effetto di 9 vittorie e 3 pareggi. Lo stadio di viale Trieste è oltretutto inviolato da ben quattordici mesi, con l’ultima sconfitta che risale al 29 gennaio 2012, ed il Südtirol è l’unica squadra del girone a non aver mai perso in casa.
Contro il Trapani mister Stefano Vecchi sarà privo dello squalificato Maritato e del “lungodegente” Clementi. Per il resto, malgrado i piccoli acciacchi di Bassoli e Branca, l’allenatore biancorosso potrà disporre di tutti gli altri effettivi della “rosa”. Non sono attese novità di rilievo nell’undici iniziale, dove la difesa dovrebbe essere riconfermata in blocco, mentre a centrocampo Uliano e Branca si contendono una maglia da titolare nel ruolo di mezz’ala sinistra. In attacco, invece, il tridente dovrebbe essere composto da Campo, Testardi e Thiam, con quest’ultimo riproposto nell’undici di partenza dopo le ultime due partite nelle quali gli era stato preferito Maritato.
Quella col Trapani è la prima di sei partite, le ultime della regular season, alle quali il Südtirol chiede i punti necessari per tagliare il traguardo dei playoff. Il calendario è particolarmente impegnativo, in quanto – dopo la capolista – i biancorossi si misureranno in trasferta con la Cremonese e a seguire con Virtus Entella e Lecce in un doppio turno casalingo. A chiudere il match sul campo del Portogruaro e quello al Druso contro la Tritium.

I nostri avversari ai raggi “X”. Il Trapani sta dando vita ad un entusiasmante testa a testa con il Lecce per la vittoria del campionato e la promozione diretta in serie B. Un traguardo, quello della promozione nel torneo cadetto, sfuggito clamorosamente - e per ben due volte - nel finale della scorsa stagione, dapprima facendosi sfilare il primo posto dallo Spezia, dopo aver dilapidato un vantaggio che pareva incolmabile, e poi perdendo in casa il ritorno della finale playoff contro la Virtus Lanciano. Un epilogo da incubo che i siciliani hanno avuto la forza di lasciarsi alle spalle, riproponendo la propria autorevole candidatura al salto di categoria con lo stesso allenatore, ovvero mister Roberto Boscaglia, e con un organico rivisitato solo in minima parte rispetto alla passata stagione. La lotta gomito a gomito con il Lecce sta premiando in questo momento il Trapani, che da fine girone d’andata in poi ha viaggiato a ritmi sostenutissimi, come si evince facilmente dal ruolino di marcia delle ultime 12 partite, nelle quali i granata non hanno mai perso, raccogliendo la bellezza di 9 vittorie e 3 pareggi. Con 48 gol realizzati in 26 partite il Trapani ha il miglior attacco del campionato, mentre la difesa è la terza meno battuta con 24 gol subiti. Solo Cremonese (19) e Carpi (21) hanno saputo far meglio. La prolificità offensiva dei siciliani risalta anche dalla presenza di due calciatori in doppia cifra, ovvero Abate e Mancosu che hanno segnato 10 gol a testa, appena due in più del funambolico esterno offensivo Madonia. La scorsa settimana, entro il termine perentorio del 31 marzo, il Direttore Sportivo Daniele Faggiano ha tesserato un altro bomber patentato, ovvero il 38enne attaccante argentino Josè Inacio Castillo, svincolato ed inattivo in questa stagione dopo aver giocato e segnato in serie A e B con Pisa, Lecce, Fiorentina e Bari.
In trasferta il Trapani ha conquistato poco meno della metà dei suoi punti complessivi, ovvero 25 su 52, grazie ad uno score di sette vittorie, quattro pareggi ed una sola sconfitta, quest’ultima risalente all’ormai lontanissimo 23 settembre scorso, quando i siciliani si arreso a Chiavari alla Virtus Entella (3:2).
Mister Boscaglia non ha problemi di formazione. Tutti disponibili o quasi. Restano da valutare solo le condizioni dei convalescenti Spinelli e Romeo.

La gara d’andata. Si è disputata in Sicilia lo scorso 18 novembre e si è risolta a favore del Trapani con un rotondo 4-0, risultato specchio di un match a senso unico perché segnato già nella prima mezz’ora di gioco, nella quale la capolista è andata a segno due volte. A sbloccare le marcature ci ha pensato Madonia con una splendida volèe di destro su cross di Abate, mentre il raddoppio è arrivato poco dopo su calcio di rigore cagionato da un’uscita disperata di Marcone sui piedi del lanciatissimo Mancosu. Per il portiere biancorosso seconda ammonizione e conseguente espulsione, coi biancorossi costretti in 10 uomini e col debuttante Tenderini, appena 18enne, chiamato a sostituire Marcone fra i pali. Dal dischetto il 2-0 e la doppietta personale di Madonia. In inferiorità numerica il Südtirol non è riuscito a cambiare l’inerzia della partita, proseguita su un campo ridotto ad un vero e proprio acquitrino a causa del violento nubifragio abbattutosi sullo stadio “Provinciale” fra fine primo tempo ed in inizio ripresa. Nella seconda frazione un irrefrenabile Trapani è andato a segno altre due volte - dapprima con Abate, attaccante scuola Milan, e poi con il subentrato Docente - per il 4:0 finale.

Le possibili formazioni.
FC Südtirol (4-3-3): Marcone; Iacoponi, Cappelletti, Bassoli, Martin; Furlan, Bertoni, Uliano (Branca); Campo, Testardi, Thiam.
A disposizione: Grandi, Kiem, Panzeri, Bontà, Branca (Uliano), Fink, Pasi.
Allenatore: Stefano Vecchi
Trapani (4-4-2): Nordi; Lo Bue, Pagliarulo, D’Aiello, Rizzi; Basso, Pirrone, Caccetta, Madonia; Abate, Gambino (Mancosu).
A disposizione: Morello, Giordano, Filippi, Tedesco, Pacilli, Mancosu (Gambino), Docente (Castillo).
Allenatore: Roberto Boscagliai
Arbitro: Pietro Dei Giudici di Latina (Bellagamba-Camillucci di Macerata)

 
 
 
 

 Vai alla lista 
Prossima partita
FC Südtirol giovanili