Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

ALTRO BIG MATCH AL DRUSO: CONTRO LA CREMONESE SI CERCA IL RISCATTO

“Non abbiamo perso contro la Virtus Entella per sola sfortuna. Nel finale di partita abbiamo commesso degli errori e li abbiamo pagati a caro prezzo. Peccato, perché per 80 minuti la prestazione era stata eccellente. Ma non dobbiamo farne un dramma. Se continueremo a giocare così, aggiungendo un po’ più di attenzione e di concretezza sotto porta, partite come quella di domenica scorsa non le perderemo più, anzi le vinceremo. Possiamo guardare avanti con fiducia, perché la strada intrapresa è quella giusta e presto anche i risultati ci daranno ragione”. Nelle parole di mister Claudio Rastelli traspaiono serenità, consapevolezza e massima determinazione.
 
Nell’ottava giornata del campionato di Prima Divisione Lega Pro, in programma questa domenica, 27 ottobre, con calcio d’inizio alle ore 14.30, un Südtirol ferito dalla beffarda quanto immeritata sconfitta casalinga di domenica scorsa contro la capolista Virtus Entella, impostasi per 2-1 sui biancorossi che erano stati padroni del campo, del gioco e del risultato per 80 minuti prima del fatale black out finale, ospita allo stadio Druso un altro big match, ovvero quello contro la vice capolista Cremonese, sin qui sempre vittoriosa in trasferta e da tutti indicata come la più autorevole pretendente al primo posto e alla promozione diretta in serie B. 
Quello contro la Cremonese è il secondo match casalingo consecutivo per il Südtirol, desideroso di riscatto dopo l’immeritato passo falso di domenica scorsa, ma anche bisognoso di ritrovare la vittoria che manca da quattro partite, segnatamente dal successo contro il Pavia, superato al Druso per 4-0 nell’ormai lontana terza giornata di campionato. Un successo rimasto per di più isolato, giacché per il resto il ruolino di marcia biancorosso annovera tre pareggi – tutti per 1:1 - contro Reggiana, Lumezzane e Venezia ed altrettante sconfitte, subite per mano di Albinoleffe (3:1), Como (3:2) e della già citata Virtus Entella (1:2), contro la quale è oltretutto caduta l’imbattibilità stagionale del Druso che nelle tre precedenti partite aveva portato in dote una vittoria e due pareggi.  
Contro la Cremonese mister Rastelli potrebbe dover rinunciare al solo Hannes Fink, in via di guarigione da un recente infortunio di natura muscolare. Per il resto il 51enne allenatore romano ha solo piacevoli problemi di abbondanza. Punto fermo appare la difesa, col quartetto Iacoponi-Cappelletti-Bassoli-Martin che sarà confermato a protezione di Micai, ma anche il  centrocampo dovrebbe essere lo stesso di domenica scorsa, con Pederzoli in cabina di regìa affiancato da Furlan e Vassallo. In attacco, invece, è certo l’utilizzo del solo Alessandro Campo, top-scorer biancorosso con 4 reti e 3 assist-gol, mentre saranno due fra Dell’Agnello, Corazza, Ekuban e Turchetta a completare il tridente.

I nostri avversari ai raggi “X”.  Sono ormai cinque stagioni che la Cremonese punta dichiaratamente al salto di categoria. Un fermo proposito che non è stato scalfito dall’esito deludente dello scorso campionato, nel quale i grigiorossi hanno addirittura fallito l’accesso ai playoff, sempre raggiunti nelle tre precedenti stagioni. In estate la dirigenza ha rilanciato il guanto della sfida, allestendo per l’ennesima volta un organico traboccante di qualità in ogni reparto e affidandolo a mister Vincenzo Torrente, che dopo aver vinto il campionato di Prima Divisione col Gubbio ha allenato per due stagioni il Bari in serie B. La sontuosa campagna acquisti ha portato in grigiorosso – fra gli altri – calciatori provenienti da categorie superiori come Abbate, prelevato dal Verona, Antonio Caracciolo, ingaggiato dal Brescia, Casoli, acquistato dallo Spezia, e Elvis Abbruscato, la scorsa stagione in serie A col Pescara dopo un biennio in B col Vicenza nel quale ha messo a segno 32 reti, di cui 19 il primo anno nel quale è stato vice capocannoniere del torneo cadetto. Fra i confermati spiccano invece gli inossidabili Davide Baiocco e Gaetano Caridi, entrambi con luminosi trascorsi in serie A e B. 
La Cremonese occupa il secondo posto in classifica, a pari punti con la Pro Vercelli e a due lunghezze di ritardo dalla capolista Virtus Entella. I grigiorossi sono reduci dal sofferto successo contro il Lumezzane, superato per 2-1 allo stadio Zini, dove la formazione di Torrente ha rimediato entrambe le sconfitte sinora subite, la prima contro il Savona e la seconda per mano del Como. In trasferta, invece, la Cremonese è ancora imbattuta grazie ai successi contro Pro Patria e Reggiana e al pareggio con l’Albinoleffe, tramutatosi poi in una vittoria a tavolino.
I grigiorossi vantano il primato dell’attacco più prolifico del campionato, con 13 gol realizzati in sette partite. I top-scorer della squadra sono Brighenti e Abbruscato, con tre marcature a testa.
Contro il Südtirol mister Torrente potrebbe riproporre lo stesso undici iniziale che ha sconfitto il Lumezzane, anche se Abbruscato scalpita per ritrovare una maglia da titolare. Rientra dalla squalifica Bergamelli, ma dovrebbe accomodarsi in panchina, mentre Bremec, Martina Rini e Palermo dovrebbero dare ancore forfait per infortunio.  

I precedenti. Südtirol e Cremonese si sono già affrontate quattordici volte nei campionati professionistici, di cui 8 in serie C2 e 6 in Prima Divisione Lega Pro, con uno score di quattro vittorie per il Südtirol, tre per la Cremonese e 7 pareggi. Le ultime due sfide fra biancorossi e grigiorossi risalgono alla scorso campionato. Nella gara d’andata, giocata allo stadio Druso,  il Südtirol allora allenato da Stefano Vecchi si impose per 1:0, con un gran gol messo a segno da Alessandro Campo a metà ripresa. Nella gara di ritorno allo stadio “Zini” di Cremona furono invece i grigiorossi ad aggiudicarsi il match per 2-1, portandosi sul doppio vantaggio nel primo tempo grazie alle reti dell’ex biancorosso Le Noci e di Djuric. Bellissimo quanto tardivo il gol biancorosso a firma di Riccardo Pasi al 94’.

FC Südtirol  - Cremonese nel segno del “Fai Play”. Nel loro ingresso in campo ad inizio partita, la terna arbitrale e le due squadre saranno accompagnate da 25 piccoli calciatori della Scuola Calcio dell’FC Südtirol, che srotoleranno a centrocampo uno striscione con un eloquente invito al “Fair Play”, in campo e in tribuna.

Le possibili formazioni.
FC Südtirol (4-3-3): Micai; Iacoponi, Cappelletti, Bassoli, Martin; Furlan, Pederzoli, Vassallo; Campo, Dell’Agnello, Corazza. 
A disposizione: Tonozzi, Kiem, Tagliani, Bastone, Branca, Turchetta, Ekuban.
Allenatore: Claudio Rastelli
Cremonese (4-3-3): Galli; Abbate, Moi, Caracciolo, Visconti; Baiocco, Loviso, Armellini; Casoli, Brighenti, Carlini. 
A disposizione: Quaini, Bergamelli, Avogadri, Giorgi, Francoise, Caridi, Abbruscato. 
Allenatore: Vincenzo Torrente
Arbitro: Saverio Pelagatti di Arezzo (Bonafede-Lanotte) 

1^ Divisione Lega Pro (girone A) – 8^ giornata – Domenica 27.10.2013 (ore 14.30)
Albinoleffe - Vicenza
Virtus Entella - Pavia
FeralpiSalò - Como
Lumezzane - Carrarese
Pro Patria – Unione Venezia
Pro Vercelli – San Marino
Savona - Reggiana
FC Südtirol – Cremonese

La classifica.
Entella 17 punti; Cremonese, Pro Vercelli 15; Venezia 13;  Reggiana, Savona, Albinoleffe, Como 10; Lumezzane 8; FeralpiSalò, San Marino 7; FC Südtirol 6; Carrarese, Vicenza*, Pavia 5; Pro Patria* 3.
*Penalizzazioni: Vicenza -4; Pro Patria -1
 
 
 
 

 Vai alla lista 
Prossima partita
FC Südtirol giovanili
 
 
 
VS.
 
FC Südtirol   Vicenza Calcio
 
 
Do, 29. Ottobre 2017 - 14:30
 
Stadio "Druso" - Bolzano
 
  Ticket Online  
 
 
0
0
0
0
giorni Ore Min. Sec.