Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Bilancio stagionale dell´FC Südtirol-Alto Adige che guarda con fiducia alla prossima stagione

I soci dell´FC Südtirol-Alto Adige hanno tirato oggi nel corso di una conferenza stampa tenuta a Bolzano, un primo bilancio della stagione appena finita. Secondo Hans Krapf, è stato raggiunto l´obiettivo principale fissato della società, cioè il risanamento economico. “Ora siamo di nuovo senza debiti e dobbiamo ambire a nuovi traguardi sportivi. Il nostro obiettivo l´anno prossimo in C2 è il raggiungimento dei playoff. Anche nel settore giovanile, specialmente nei campionato nazionali, vogliamo lottare per il vertice”.
 
Oltre a Krapf erano presenti alla conferenza stampa odierna Arnold Gasser, Engelbert Schaller ed il presidente Werner Seeber, che hanno ricordato la difficile e critica situazione ad inizio campionato. Infatti il presidente della Lega di Serie C, Mario Macalli non voleva ammettere l’FC Südtirol-Alto Adige alla C2 per i noti problemi riguardanti la sede. Solo grazie all’impegno ed alle lunghissime trattative condotte dalla società, l’FCS ha poi potuto giocare in Serie C. “La nostra pressione sui responsabili nazionali ha provocato parecchi cambiamenti. Recentemente la Federazione ha modificato i criteri di amissione ai Campionati. Cosi potremmo forse già nei prossimi giorni regolare la nostra posizione”, spera Krapf.

Poi si è detto dispiaciuto, che la formazione di C2 non abbia centrato in pieno gli obiettivi sportivi ambiti ad inizio campionato: raggiungere il più presto possibile la salvezza ed inserire nella squadra giovani giocatori locali. La salvezza è stata raggiunta, peró solo all’ultimo minuto. Così l’FCS l’anno prossimo potrà disputare il suo nono campionato professionistico. “Non si deve dimenticare, che quest’anno servivano ben 42 punti per evitare la zona retrocessione, mentre l’anno scorso ne bastavano 38. Nel 2007 ci mancavano sei punti ai play off, quest’anno erano sette. Ed anche la differenza reti di quest’anno (34:33) è quasi uguale a quella della passata stagione (37:33)”, ricorda Krapf. Inoltre molti giocatori locali hanno giocato in C2. In totale erano ben otto: Hans Rudi Brugger (2.970 minuti), Hannes Kiem (2.718), Denis Mair (1.746), Manuel Scavone (1.427), Michael Bacher (1.109), Simon Rossi (305), Daniel Pfitscher (159) ed Hannes Fink (25).

Krapf ha sottolineato, che l’FCS percorrerà anche in futuro una sola strada: puntare sul proprio vivaio e sui propri giovani. Che il lavoro porti frutti, lo testimoniano le cessioni di Michael Cia (Atalanta) ed Andrea Seculin (Fiorentina) a due società di Serie A. Quest’anno l`FCS ha partecipato con nove squadre ai diversi campionati giovanili, tre, la Berretti, gli Allievi ed i Giovanissimi, hanno disputato un campionato nazionale. Con l’FCD Alto Adige è partito anche il progetto scuola calcio, coordinato dall´ex professionista Arnold Schwellensattl. Inoltre in estate si svolgeranno in tutta la provincia nove Camp con la partecipazione di oltre 700 ragazzi..

La sfida piú grande per la società sarà peró il nuovo centro sportivo di Laives. Il finanziamento del nuovo impianto è già stato votato dalla 2° Commissione Legislativa del Consiglio Provinciale. “Per portare avanti questo progetto ci vorranno nuove forze nella società”,  ha affermato Krapf.

Poi ha ricordato che l’FCS ha fatto grandi progressi anch nel settore della comunicazione. I media e l’opinione pubblica vengono informati regolarmente sull’attività della società tramite comunicati stampa, Internet, la propria web-TV, servizi fotografici ed il giornale dell’FCS.

“Il nostro presidente è inoltre riuscito a sanare l`FCS da una gravissima situazione economica” si complimenta Krapf con Werner Seeber. Due anni fa la società era in una situazione drammatica, oggi invece è senza debiti. Tutti gli stipendi degli allenatori e dei giocatori sono già stati pagati e praticamente  non ci sono posizioni scoperte. Seeber naturalmente ha dovuto usare misure drastiche per sanare la società. Due anni fa sono stati risparmiati 300.000 euro sugli stipendi dei giocatori e 200.000 euro sull’amministrazione. Inoltre con la vendita di Cia e la valorizzazione dei giovani sono entrati altri 500.000 euro. Anche quest’anno con ulteriori risparmi sull’amministrazione e la vendita di Seculin le casse si sono riempite con altri 400.00 euro.

“Siccome ora ci sono le basi economiche, nella prossima stagioni vogliamo assolutamente migliorare i risultati sportivi. L’obiettivo per il prossimo campionato di Serie C2 è un posto nei play off”, afferma deciso Krapf. L’allenatore Aldo Firicano ha ancora un anno di contratto, molti giocatori locali rimarranno all’FCS. Tra i giocatori che provengono da fuori ci saranno invece sicuramente alcuni cambiamenti. L´Alto Adige vorrebbe in futuro poter concorrere anche nei campionati nazionali giovanili per le posizioni di vertice.


Nelle foto: Arnold Gasser, Engelbert Schaller, Hans Krapf e  Werner Seeber

 
 
Bilancio stagionale dell´FC Südtirol-Alto Adige che guarda con fiducia alla prossima stagione
 
 

 Vai alla lista 
Prossima partita
FC Südtirol giovanili
 
 
 
VS.
 
FC Südtirol   Triestina
 
 
Do, 20. Agosto 2017 - 18:00
 
Stadio Druso - Bolzano
 
  Ticket Online  
 
 
0
0
0
0
giorni Ore Min. Sec.