Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

DOMENICA (ORE 15) L’FCS DI SCENA ALLO STADIO “BENTEGODI”

Il “Bentegodi”, stadio che trasuda storia calcistica ai massimi livelli nazionali e che è stato teatro, anzi… “Arena” del memorabile scudetto gialloblù del 1985, può e deve fungere da terapia d’urto per un FC Suedtirol che ha raccolto appena un punto nelle prime tre giornate di Prima Divisione.
 

Un FC Suedtirol che questa domenica, 12 settembre, va a far visita all’Hellas Verona (calcio d’inizio alle ore 15), una delle grandi favorite per la vittoria del campionato e – conseguentemente - per la promozione in serie B. Una promozione sfuggita ai veronesi sul filo di lana nella scorsa stagione, per effetto della sconfitta nella finale playoff contro il Pescara.

Ma l’Hellas ci riprova quest’anno con rinnovate e rafforzate ambizioni, legittimate da una campagna acquisti di altissimo livello condotta da Mauro Gibellini, ex calciatore gialloblù ma soprattutto ex diesse dell’FC Suedtirol di Sannino e Tesser.

Oltre al “Gibo”, l’FC Suedtirol ritroverà sulla sua strada, anzi sul campo altri due “ex”, ovvero il centrocampista Manuel Mancini e il bomber Giuseppe Le Noci, con quest’ultimo che ha vestito la casacca biancorossa per tre stagioni realizzando complessivamente 20 reti, appena due in più di quelle messe a segno nella scorsa stagione con il Pergocrema, col quale si è laureato capocannoniere della Prima Divisione (18 gol).

Un Verona che domenica scorsa ha colto la sua prima vittoria. Anzi i suoi primi punti in campionato, giacché nelle prime due giornate aveva incassato altrattante sconfitte, la prima a Pagani contro la Paganese (2-1) e la seconda al “Bentegodi” contro il Como (0-2). Il riscatto è arrivato, atteso e preventivato, a Monza, con una roboante vittoria per 5-1 (tripletta di Le Noci). In terra brianzola hanno debuttato sin dal primo minuto gli ultimi due innesti di lusso del “mercato” gialloblù, ovvero il centrocampista (ex Reggina) Halfreddson, nazionale islandese, e l’attaccante austriaco Pichlmann, prelevato dal Grosseto (serie B).

A guidare il Verona, in panchina, una delle icone della storia del calcio italiano, ovvero quel Giuseppe Giannini che per 15 stagioni consecutive, fra anni Ottanta e Novanta, è stato “bandiera” e capitano della Roma nonché punto fermo della nostra Nazionale, nella quale ha collezionato 47 presenze, arrivando terzo ai Mondiali di Italia ’90.

Venendo all’FC Suedtirol, che giocherà di fronte ad una imponente cornice di pubblico (sono attesi circa 10mila spettatori al “Bentegodi”), mister Sebastiani – pur consapevole della forza dell’avversario – vuole un atteggiamento propositivo e coraggioso da parte della sua squadra. Il tecnico biancorosso sembra intenzionato a non adottare un modulo difensivo, né a stravolgere l’assetto tattico della sua squadra. In difesa - scontata la squalifica - rientrano sia Trorè che Cascone, mentre ai forfait preventivati dei “lungodegenti” Albanese e Sorrentino, peraltro entrambi sulla via della guarigione anche se i tempi non saranno brevissimi, si è aggiunto quello di Pietro Baccolo, la cui distorsione alla caviglia ha interessato il legamento, il che lo obbligherà probabilmente ad operarsi con tempi di recupero non inferiori ai due mesi e mezzo.

Un Fc Suedtirol che riproporrà Marchi come prima punta (Virdis non è ancora al top della condizione e dovrebbe partire dalla panchina), con ai suoi lati Campo e il belga di origini marocchine El Kaddouri, quest’ultimo in sostituzione di Hannes Fink che non si è allenato praticamente tutta la settimana per una elongazione ai flessori della gamba destra. A centrocampo ballottaggio fra Burato (NELLA FOTO), che nella scorsa stagione ha militato proprio nell’Hellas Verona, e Mariano Romano, con il primo favorito.

Dal “Bentegodi” l’FC Suedtirol proverà ad uscire con un risultato utile per tornare a muovere la classifica dopo due sconfitte di fila, la prima a Gubbio (4-0) e la seconda domenica scorsa al “Druso” contro la Salernitana (0-1). I biancorossi sono fermi al pareggio casalingo della prima giornata di campionato contro la Reggiana (1-1 il finale, con gol biancorosso di Campo su rigore).

                       

 

Le probabili formazioni

VERONA (4-3-1-2): Rafael; Cangi, Ceccarelli, Maietta (Campagna), Anderson; Mancini, Esposito, Halfreddson; Berrettoni; Le Noci, Pichlmann. A disposizione: Da Vià, Campagna (Maietta), Martina Rini, Garzon, Paghera, Ferrari, Russo.

All. Giuseppe Giannini

FC SUEDTIROL (4-3-2-1): Zomer; Traorè, Cascone, Kiem, Martin; Furlan, Burato (Mariano Romano), Alfredo Romano; Campo, El Kaddouri; Marchi. A disposizione: Mair, Brugger (Nazari), Mirri, Mariano Romano (Burato), Hannes Fischnaller, Manuel Fischnaller, Virdis.

All. Alfredo Sebastiani

 

Le partite della 4^ giornata Prima Divisione Lega Pro – domenica 12.09 (ore 15)

Alessandria – Como

Bassano – Sorrento

Pergocrema – Lumezzane

Ravenna – Cremonese

Reggiana – Monza

Spal – Pavia

Spezia – Gubbio

Hellas Verona – FC Suedtirol

*lunedì 13 settembre (ore 20.45): Salernitana – Pagnanese

 

La classifica dopo tre giornate di campionato

Lumezzane, Spal e Pavia 7 punti; Paganese 6; Ravenna e Sorrento 5; Como, Gubbio, Salernitana e Alessandria 4; Hellas Verona, Cremonese e Pergocrema 3; Reggiana, Spezia e Monza 2; Bassano e FC Suedtirol 1.

 
 
 
 

 Vai alla lista 
Prossima partita
FC Südtirol giovanili
 
 
 
VS.
 
Viterbese Castrense   FC Südtirol
 
 
Me, 30. Maggio 2018 - 20:30
 
  Ticket Online  
 
 
0
0
0
0
giorni Ore Min. Sec.