Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

NEL PARMA IACOPONI UNICO "EX" IN CAMPO: SCAVONE E' SQUALIFICATO

Una Coppa delle Coppe, due Coppe Uefa, una Supercoppa UEFA, tre Coppe Italia, una Supercoppa italiana. E poi: un secondo posto e due terzi posti in serie A. Trofei e piazzamenti conquistati negli anni Novanta, quando il sodalizio emiliano faceva parte dell'esclusivo club delle “Sette Sorelle”, ovvero delle sette “big” italiane che si dividevano coppe e allori in Italia e in Europa. Il palmares del Parma Calcio è davvero straordinario per una squadra che milita nel campionato di Lega Pro e che vuole quanto prima tornare ai massimi livelli, perlomeno nazionali. Sino ad appena due stagioni fa il Parma militava in serie A. Poi il fallimento e la ripartenza dalla Serie D, vinta nella scorsa stagione. Quest'anno i gialloblu sono tornati fra i professionisti, con l'obiettivo di recitare un ruolo da protagonisti anche in Lega Pro. L'organico abbonda di calciatori che hanno militato per più anni in Serie A e B. Fra questi citiamo il capitano Alessandro Lucarelli, che ha all'attivo oltre 500 presenze tra i professionisti di cui 385 in serie A, il centrocampista bolzanino ed “ex” biancorosso Manuel Scavone e l'attaccante Emanuele Calaiò, il quale ha messo a segno la bellezza di 154 gol fra i professionisti, di cui 34 in Serie A e 92 in serie B.
Nel corso della stagione il Parma ha rivoluzionato la propria area tecnica, sollevando dai rispettivi incarichi l'allenatore Luigi Apolloni, il Direttore Sportivo Lorenzo Minotti e il Direttore Tecnico Andrea Galassi (il Presidente Nevio Scala si è invece dimesso), affidandosi – dopo un breve interregno di Stefano Morrone, allenatore della Berretti - a Roberto D'Aversa come allenatore e a Daniele Faggiano per l’incarico di Direttore Sportivo. Il nuovo Diesse ha potenziato la squadra nel mercato invernale con gli innesti dell'estremo difensore Pierluigi Frattali (quasi 100 presenze in serie B), del difensore centrale Valerio Di Cesare (9 presenze in serie A e 283 in serie B), dell’“ex” biancorosso Simone Iacoponi e dei centrocampisti Matteo Scozzarella (169 presenze e 12 reti in serie B) e Gianni Munari (119 partite e 9 reti in serie A e 191 e 23 reti in serie B).

Gli “ex” della partita sono quattro. Fra i ducali troviamo Manuel Scavone e Simone Iacoponi, anche se il primo non sarà della partita perché squalificato. Scavone, bolzanino e “canterano” biancorosso, ha collezionato nel Südtirol 124 presenze in C2, realizzando complessivamente 20 gol, di cui ben 11 nella memorabile stagione 2009/2010 conclusasi con la vittoria del campionato e la tanto agognata promozione in C1. Il terzino destro Simone Iacoponi invece ha totalizzato 76 presenze (con 7 gol) in due stagioni e mezza in maglia biancorossa. Nel Südtirol gli “ex” della partita sono invece Jeremie Broh, cresciuto nel settore giovanile dei ducali per poi debuttare in serie A contro la Fiorentina, e Arturo Lupoli, che pur non avendo presenze in prima squadra, è stato una delle più grandi promesse del settore giovanile del Parma, prima di cedere alle lusinghe dell'Arsenal e di trasferirsi alla corte di Arsene Wenger.

Per i biancorossi quella di domani sera sarà la prima partita allo stadio Ennio Tardini di Parma. L'unico precedente tra i due club risale infatti alla gara d'andata disputata al Druso e vinta per 1-0 dagli emiliani con gol-partita nel secondo tempo di Nocciolini.
 
 
 
 
 

 Vai alla lista 
Prossima partita
FC Südtirol giovanili
 
 
 
VS.
 
FC Südtirol   Albinoleffe
 
 
Do, 27. Agosto 2017 - 18:30
 
Stadio Druso - Bolzano
 
  Ticket Online  
 
 
0
0
0
0
giorni Ore Min. Sec.