23.04.2022
Numeri ed informazioni sulla sfida decisiva
LO STADIO
Inaugurato nel 1992, lo stadio “Nereo Rocco” è il più grande impianto del girone A della Serie C, con una capienza di 26.500 spettatori. Ha ospitato tre incontri di qualificazione ai Mondiali della Nazionale maggiore, con esito sempre positivo: in gare ufficiali 3 vittorie, 9 gol fatti e 0 subiti per gli Azzurri al “Nereo Rocco”. In amichevole contro la Slovenia l’unica sconfitta dell’Italia nell’impianto triestino.

NEREO ROCCO
Lo stadio di Trieste dove verrà giocata la sfida decisiva è intitolato a Nereo Rocco, calciatore negli anni Trenta e Quaranta e soprattutto allenatore dal 1947 al 1977. Sulla panchina del Milan, il tecnico triestino ha vinto due Scudetti, tre Coppe Italia, due Coppe dei Campioni, due Coppe delle Coppe ed una Coppa Intercontinentale. Il Paròn è l’allenatore più vincente della storia rossonera e nel 2012 è stato inserito nella Hall of Fame del Calcio Italiano. 

PANCHINA DAL PASSATO IMPORTANTE
Il tecnico della Triestina, Cristian Bucchi, si è seduto già su diverse panchine importanti del calcio italiano tra Serie A e Serie B: l’allenatore romano ha infatti guidato Sassuolo, Empoli, Benevento e Pescara.

DIFESA PROLIFICA
Il reparto difensivo della squadra di Cristian Bucchi ha portato in dote ben 12 gol alla Triestina: risulta dunque essere la difesa che segna di più nel girone A della Serie C, con un margine di 3 gol sul Seregno secondo in questa speciale classifica. L’FCS ha invece il centrocampo più prolifico del raggruppamento con 23 gol.

LOCATION DI TRIONFI
Tra stadio “Comunale” e “Nereo Rocco”, tre campionati di Serie A sono stati decisi a Trieste: lo Scudetto vinto dal Bologna nel 1940/1941, quello conquistato dalla Fiorentina nel 1955/1956 e quello portato a casa dalla Juventus nel 2011/2012 (contro il Cagliari, che in quel finale di stagione giocava le partite casalinghe a al “Rocco”).

Notizie correlate
Ti potrebbero interessare
Davi: “Continuo a coltivare il sogno che avevo quando ero ragazzino”
Davi: “Continuo a coltivare il sogno che avevo quando ero ragazzino”
Le dichiarazioni del difensore biancorosso cresciuto in casa dopo il rinnovo del contratto
Davi prolunga l’accordo fino al 2025
Davi prolunga l’accordo fino al 2025
Il 22enne difensore-esterno basso mancino cresciuto nelle giovanili biancorosse ha sottoscritto un nuovo contratto con il club biancorosso con scadenza fissata tra tre anni
Iacobucci: “Torno con piacere in una realtà che già era ottima e che ora lo è ancora di più”
Iacobucci: “Torno con piacere in una realtà che già era ottima e che ora lo è ancora di più”
Secondo l’estremo difensore, 31 enne, tornato in biancorosso dieci anni dopo e con un bagaglio d’esperienza importante con l’esperienza in serie A e quasi duecento gare in B per raggiungere qualsiasi obiettivo bisogna essere uniti, compatti e costanti nel lavoro quotidiano
D’Orazio: “Sono molto carico e fiero di essere qui. Sono grato a chi mi ha voluto fin da subito”
D’Orazio: “Sono molto carico e fiero di essere qui. Sono grato a chi mi ha voluto fin da subito”
Le dichiarazioni a caldo del 32enne difensore esterno sinistro che in biancorosso ritrova mister Lamberto Zauli con il quale ha condiviso l’esperienza a Teramo e Mirko Carretta, suo compagno nel Cosenza
Newsletter
Resta aggiornato su cosa sta succedendo nel mondo biancorosso!
 
 
 
Abbonati
 
 
Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.