25.05.2021
L’FC Südtirol, in relazione al provvedimento disciplinare comminato dopo la gara d’andata del primo turno dei play-off nazionali a carico dell’allenatore Stefano Vecchi e del giocatore Marco Curto (una giornata di squalifica), con analoga motivazione: “Perché durante la gara pronunciava un'espressione blasfema” in seguito al rapporto del Commissario di campo e del delegato della Procura federale che hanno segnalato le presunte espressioni blasfeme, ritiene curioso e incomprensibile il fatto che nessuno dei componenti della quaterna arbitrale abbia percepito alcunché.

La Società, anche a tutela dei propri tesserati e dei valori sportivi che hanno sempre contraddistinto la propria storia, tiene a rimarcare l’ingiusta e inopportuna adozione del provvedimento. Preme sottolineare che a fine gara nei colloqui di rito intercorsi con i responsabili della società nessun componente della quaterna arbitrale ha rilevato quanto poi asserito da altri, tanto meno il quarto ufficiale che per l’intera durata della partita ha operato a ridosso della panchina o dell'arbitro che avrebbe potuto carpire la frase di Curto.

E’ sorprendente che gli zelanti delegati invece di vigilare sulla corretta organizzazione della gara si preoccupino di fungere da inquirenti aggiunti alterando l'equilibrio tra le funzioni interessandosi di aspetti strettamente disciplinari. Tale comportamento, oltre ad invadere competenze altrui e prevaricare il ruolo della quaterna arbitrale, interferisce pesantemente sul risultato sportivo. E’ altresì assodato che, in circostanze analoghe verificatesi nel recente passato e nel medesimo campionato, si è proceduto ad accertare i fatti disponendo indagini approfondite che, nei casi più gravi, si sono concluse con l'irrogazione di sanzioni pecuniarie.

Spiace rilevare che in questo caso i delegati preposti abbiano svestito il proprio ruolo di garanti per incarnare quello dei censori in un momento così delicato e determinante della stagione calcistica. Quanto accaduto è inaccettabile e obbliga l'FC Südtirol ad impugnare senza indugio i provvedimenti adottati dal Giudice Sportivo con contestuale istanza di trattazione dell'udienza in via d’urgenza.

Notizie correlate
Ti potrebbero interessare
“Business day” presso Doppelmayr
“Business day” presso Doppelmayr
Il terzo appuntamento con partner e sponsor si è svolto presso la sede di Lana della prestigiosa azienda leader a livello internazionale nel mercato della progettazione e costruzione di impianti a fune
Testimonial al fianco della Polstrada
Testimonial al fianco della Polstrada
Il “Pullman Azzurro” della Polizia Stradale ha fatto tappa a Bolzano: all’iniziativa di educazione stradale rivolta ai giovani hanno preso parte anche i calciatori biancorossi Voltan e Crociata
L’FC Südtirol è partner di Welove.bz
L’FC Südtirol è partner di Welove.bz
Il club biancorosso sostiene il grande concorso natalizio della città di Bolzano “A New Christmas chance 22|23” promosso dalla cooperativa che comprende sei associazioni d’impresa che puntano ad incentivare l’economia del territorio 
In campo per dire NO alla violenza contro le donne
In campo per dire NO alla violenza contro le donne
L’FC Südtirol ha sostenuto le iniziative promosse dal Comune di Bolzano, inoltre i giocatori della prima squadra hanno svolto un allenamento congiunto con la formazione femminile di Eccellenza culminato con un rinfresco e sono state recepite tutte le azioni promosse da Lega Serie B
Newsletter
Resta aggiornato su cosa sta succedendo nel mondo biancorosso!
 
 
 
Abbonati