09.05.2020
9 maggio 2010 - Un 'Druso' esaurito festeggia la promozione in C1
Due eventi storici, a distanza di esattamente dieci anni uno dall’altro, hanno caratterizzato la storia dell’FC Südtirol. Il 4 maggio 2000 il successo nel campionato di serie D e la conquista della prima, storica, promozione in C2. La festa si consumò sul campo di Mezzocorona, grazie al successo per 1-0 nei confronti dei gialloverdi rotaliani firmato dalla rete di Matteo Girlanda a suggellare il salto tra i professionisti, avvenuto con mister Giuseppe Sannino in panchina.

Dopo dieci anni, stagione 2009/2010, con mister Alfredo Sebastiani, i biancorossi salirono dalla C2 alla C1. Era il 9 maggio 2010. Gli strani incroci del destino misero di fronte ai biancorossi quella Valenzana che nell’epilogo della stagione precedente (18 maggio 2009, dopo l’avvicendamento alla presidenza con Walter Baumgartner a rilevare il testimone da Werner Seeber) arrivò al “Druso” per il match deciso dei playout. Il successo dei biancorossi di Sebastiani - subentrato a Marco Alessandrini, dimissionario, dopo aver preso il posto di Maurizio D’Angelo - segnò l’inizio della riscossa, culminata nel 2010 con i tre punti decisivi, ancora contro la Valenzana.

L’FC Südtirol, profondamente rinnovato, fin dalle prime giornate si propose come squadra di vertice del girone A di Seconda Divisione (nuovo nome della Serie C2), dando vita ad un serrato confronto a distanza con Spezia, Legnano, Feralpisalò, Pavia e Alghero. Decisive si rivelarono le ultime tre giornate della stagione regolare, due delle quali segnate da scontri diretti: al 32. turno i biancorossi pareggiarono per 0-0 con lo Spezia, al 33. vinsero per 0-1 contro il Pavia e infine, il 9 maggio 2010, batterono per 1-0 la Valenzana dinnanzi a uno stadio Druso tutto esaurito (3.500 spettatori).

Il Südtirol fece così suo il campionato e si garantì la promozione in terza serie per la prima volta nella sua storia. Classifica finale: FCS 63 punti (34 gare: 18 vittorie, 9 pareggi, 7 sconfitte; maggior numero di vittorie miglior difesa del girone), Spezia 60, Legnano e Feralpisalò 57. La rete decisiva contro la Valenzana la firmò, al 24’ della ripresa, l’attaccante riminese, classe 1989, Mattia Marchi, arrivato a gennaio per firmare 15 presenze e 3 reti pesanti. “Ogni anno – ricorda l’attaccante romagnolo, in un videomessaggio – il 9 maggio ricordo con immenso piacere quel giorno, rivivendo straordinarie e indimenticabili emozioni”. “Fu un trionfo del nostro vivaio – sottolinea il mister della promozione, Alfredo Sebastiani -. Ricordo un fine aprile pieno di sfide decisive, poi l’epilogo il 9 maggio 2010: Druso esaurito per l’1-0 con la Valenzana. Forza e cinismo. Quattro vittorie per uno a zero per arrivare allo storico epilogo".  Nella sfida decisiva schierò il seguente undici titolare: Zomer, Brugger, Martin, Bacher, Zullo, Cascone, Campo, Polito, Marchi, Scavone, Sorrentino. A dirigere l’incontro il “figlio d’arte” Francesco Borriello, della sezione di Mantova. In provincia di Bolzano la terza divisione nazionale mancava ormai esattamente da quant’anni, dal 1970.

La cronaca, in sintesi, della sfida decisiva. Inizio prudente, con i padroni di casa che esercitano una evidente supremazia territoriale e vanno alla conclusione due volte con Sorrentino nei primi 20'. La Valenzana si difende e cerca di rendersi pericolosa in contropiede. Poco dopo la mezzora l’undici di Mangia prova la conclusione con un'incornata di Aliboni, ma Zomer non ha problemi a neutralizzare. Il primo tempo finisce senza reti, nonostante la chiara superiorità dei biancorossi. Un cambio per parte ad inizio ripresa, con Sebastiani che fa entrare Fink per Polito. La gara prosegue senza grossi sussulti. Il lampo al 24’ con il gol dei padroni di casa ad opera di Marchi. Poi i biancorossi amministrano e conducono in porto un successo che manda in visibilio il “Druso”, in versione sold out.
Dieci anni fa lo storico approdo in terza divisione
Dieci anni fa lo storico approdo in terza divisione
Notizie correlate
Ti potrebbero interessare
“Rudbeckia Amarillo Gold” brilla insieme all’FCS
“Rudbeckia Amarillo Gold” brilla insieme all’FCS
La squadra biancorossa è testimonial della splendida pianta dell’anno 2022 dell’Associazione Floricoltori altoatesini: è stata scelta da una giuria di esperti e messa in bella mostra sia allo Stadio Druso in occasione della gara con il Modena, sia presso l’FCS Center
CeleBration nello splendore di Castel Freudenstein
CeleBration nello splendore di Castel Freudenstein
La cerimonia per festeggiare l’approdo in serie B si è svolta nella suggestiva cornice del maniero di Appiano alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni, partner, sponsor, collaboratori, membri del “Club 100”, tutti stretti attorno alla società e ai protagonisti sul campo della memorabile impresa
Il 26 maggio l’assemblea dell’Fcd Alto Adige
Il 26 maggio l’assemblea dell’Fcd Alto Adige
Tutti i soci sono convocati per l’assemblea generale che si terrà giovedì 26 maggio 2022 in seconda convocazione alle ore 18.30 presso l’FCS Center di Appiano-Maso Ronco
FC Südtirol e Racines Turismo, una preziosa partnership
FC Südtirol e Racines Turismo, una preziosa partnership
Sottoscritto l’accordo di reciproca, fattiva collaborazione tra il club biancorosso e la società di promozione turistica del Comune dalle tre valli (Racines, Ridanna, Va di Giovo).
Il ritiro estivo avrà luogo quest’anno dal 10 al 22 luglio presso il collaudato quartier generale dell’Hotel Schneeberg con gli allenamenti previsti sul campo di Stanghe
Newsletter
Resta aggiornato su cosa sta succedendo nel mondo biancorosso!
 
 
 
Abbonati
 
 
Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.