16.10.2019
Dopo la sconfitta con il Carpi gli umbri hanno sostituito Guidi con Torrente e il dimissionario ds Pannacci con Giammarioli
Dopo l’annata in Serie B nel 2011-2012 (seconda partecipazione nella serie cadetta dopo l’annata 1947/1948), l’As Gubbio 1910 naviga regolarmente da qualche anno, in Serie C. Quindicesima partecipazione nella terza divisione nazionale per i “Lupi” rossoblù; la prima risale alla stagione 1938-39. Terza stagione di fila nella terza divisione nazionale. Nel 1981 il club è promosso in Interregionale, quindi nel 1987 approda in Serie C2, prima di fare ritorno tra i dilettanti nel 1992. Al termine dell'annata 1995-1996, il Gubbio retrocede anche in Eccellenza e vive una crisi societaria: una cordata di imprenditori locali, guidata da Guerriero Tasso, grazie al supporto dei due gruppi industriali Colacem e Cementerie Barbetti si fa carico di risollevare le sorti della società e di inaugurare un nuovo corso destinato a riportare la Gubbio del calcio nel mondo professionistico. Seguono due promozioni di fila e la vittoria della Coppa Umbra Eccellenza: la squadra resta in C2 per i successivi dodici anni, quando nell'annata 2009-2010, quella del Centenario, il Gubbio passa in Lega Pro Prima Divisione e nella stagione seguente vince il campionato grazie ai gol di Juanito Gomez, arrivato in prestito dal Verona, e raggiunge la Serie B. Al primo anno in B, il Gubbio retrocede in Lega Pro Prima Divisione, quindi nel 2015 retrocede anche in Serie D, per poi tornare in Lega Pro nel 2016 dopo aver vinto il proprio girone di D. I rossoblù hanno pescato dalle giovanili della Fiorentina, tant’è che in rosa presenziano Bangu, Meli e Lakti, tutti provenienti dalla “viola”. Lo stesso mister Federico Guidi, al timone della squadra fino al lunedì scorso 14 ottobre, ha un passato nelle come tecnico nel settore giovanile gigliato avendo allenato la Primavera viola per poi essere chiamato nel 2017 dalla Figc ad allenare l’Under 20 in sostituzione di Alberico Evani, passato alla Nazionale maggiore. A seguire Guidi si è seduto sulla panchina dell’Under 19 al posto di Nicolato che, dopo il secondo posto conquistato agli Europei e la qualificazione ai prossimi Mondiali Under 20, è passato proprio alla guida di quest’ultima squadra.

Nelle prime 9 giornate l’As Gubbio 1910 ha raccolto 6 pareggi, rispettivamente: in casa con Virtus Vecomp, Fano e Feralpisalò e in casa di Arzignano Valchiampo, Rimini e Reggio Audace, subendo 3 sconfitte (in casa con la Triestina al debutto, a Vicenza e, domenica scorsa sul campo amico con il Carpi), 8 gol fatti (3 a testa per Cesaretti e Sbaffo), 13 subiti, un ruolino di marcia che è costato il posto lunedì scorso al 43enne tecnico fiorentino.

Fatale per mister Federico Guidi l’ultima sconfitta casalinga rimediata contro il Carpi per 1-2. La società, infatti, ha deciso per l’esonero dell’allenatore a cui hanno seguito anche quello del suo secondo Domenico Melino e del collaboratore tecnico Federico Santi. Al suo posto è subentrato l’ex Genoa Vincenzo Torrente. Assieme al tecnico di Cetara, ha fatto il suo ritorno nella società rossoblù anche il ds Stefano Giammarioli, chiamato a sostituire Giuseppe Pannacci dopo le dimissioni di quest’ultimo dal ruolo di direttore sportivo. Riformata, dunque, l’accoppiata, che nel 2011 fu capace di portare il Gubbio ad ottenere la storica promozione in Serie B.

Giocatore rappresentativo: Alessandro Sbaffo, centrocampista, 29 anni, al Gubbio dal 2019 con 98 presenze e 14 gol in Serie C.

Ex di turno: 
In maglia biancorossa Daniele Casiraghi, trequartista, 26 anni, quattro stagioni al Gubbio: 137 presenze e 21 gol). Con la casacca rossoblù del Gubbio Federico Ravaglia, portiere, 19 anni, all’FCS lo scorso anno (2 presenze).
Gubbio, al “Druso” con nuovo tecnico e nuovo ds
Notizie correlate
Ti potrebbero interessare
Davi: “Continuo a coltivare il sogno che avevo quando ero ragazzino”
Davi: “Continuo a coltivare il sogno che avevo quando ero ragazzino”
Le dichiarazioni del difensore biancorosso cresciuto in casa dopo il rinnovo del contratto
Davi prolunga l’accordo fino al 2025
Davi prolunga l’accordo fino al 2025
Il 22enne difensore-esterno basso mancino cresciuto nelle giovanili biancorosse ha sottoscritto un nuovo contratto con il club biancorosso con scadenza fissata tra tre anni
Iacobucci: “Torno con piacere in una realtà che già era ottima e che ora lo è ancora di più”
Iacobucci: “Torno con piacere in una realtà che già era ottima e che ora lo è ancora di più”
Secondo l’estremo difensore, 31 enne, tornato in biancorosso dieci anni dopo e con un bagaglio d’esperienza importante con l’esperienza in serie A e quasi duecento gare in B per raggiungere qualsiasi obiettivo bisogna essere uniti, compatti e costanti nel lavoro quotidiano
D’Orazio: “Sono molto carico e fiero di essere qui. Sono grato a chi mi ha voluto fin da subito”
D’Orazio: “Sono molto carico e fiero di essere qui. Sono grato a chi mi ha voluto fin da subito”
Le dichiarazioni a caldo del 32enne difensore esterno sinistro che in biancorosso ritrova mister Lamberto Zauli con il quale ha condiviso l’esperienza a Teramo e Mirko Carretta, suo compagno nel Cosenza
Newsletter
Resta aggiornato su cosa sta succedendo nel mondo biancorosso!
 
 
 
Abbonati
 
 
Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.