22.04.2021
Il centrocampista racconta l'esperienza da neopapà
Hannes Fink, 31 anni, metà dei quali intensamente vissuti con la maglia biancorossa tatuata addosso: emozioni forti nella buona e nella meno buona sorte, dando sempre il massimo. Da giovane predestinato a capitano, colonna portante e simbolo, vicino alle 275 gare con il club del proprio cuore, in cui è cresciuto, maturato e di cui è punto di riferimento fermo e affidabile, rappresentando a pieno titolo quella categoria di professionisti che hanno legato a filo doppio il proprio nome ad una determinata squadra. In casa Fink, ad inizio febbraio, è arrivato l’erede. Leo è venuto alla luce il 4 febbraio scorso per la gioia di mamma Manuela e di babbo Hannes.

Capitano, quali sensazioni hai provato e stai provando?
“Sicuramente una bellissima sensazione. Il bimbo e la mamma stanno bene e questo viene prima di tutto. Sicuramente iniziare ad essere padre comporta imparare tante cose, insomma ti cambia un po’ la vita, ma è una splendida emozione. Sicuramente i cambiamenti e gli impegni maggiori sono quelli della mamma, ma anche il papà deve fare la sua parte”.

Dormi la notte?
“Sì, abbastanza. Non posso lamentarmi”.

Che cosa rappresenta per te il sorriso di un bambino?
“Il sorriso di un bambino è la cosa più bella. Se poi il sorriso è quello del tuo bambino la gioia è ancora più grande, immensa. Un’emozione indescrivibile. E’ la cosa più bella…”.

Chi ha scelto il nome?
“Lo abbiamo scelto insieme Manuela ed io. E’ un nome semplice, facile da ricordare e da pronunciare in tutte le lingue”.

Hannes Fink, i primi mesi con il piccolo Leo
Notizie correlate
Ti potrebbero interessare
Poluzzi è il “Giocatore del mese Putzer” di marzo
Poluzzi è il “Giocatore del mese Putzer” di marzo
Il vicepresidente biancorosso Walter Pardatscher ha consegnato all’estremo difensore la statuetta personalizzata sponsorizzata dal noto albergo-ristorante di Sciaves
Supercoppa al Modena, l’FCS festeggia in piazza
Supercoppa al Modena, l’FCS festeggia in piazza
Nella terza e decisiva gara del triangolare tra le tre vincitrici dei gironi di Serie C 2021-2022,l’FC Südtirol ospita gli emiliani, che la spuntano per 2-0 e si aggiudicano il trofeo. Dopo la partita la festa biancorossa in Piazza Walther per la storica e memorabile promozione in serie B.
Supercoppa in palio al “Druso”
Supercoppa in palio al “Druso”
Nella terza e decisiva gara del minitorneo tra le tre vincitrici dei gironi di Serie C 2021-2022 i biancorossi ospitano il Modena dell’ex Tesser (sabato 14 maggio alle ore 16.00). Dopo il successo a Bari (2-1) e il pareggio 3-3 tra Modena e Bari, alla squadra di Javorcic basterebbe il pareggio per aggiudicarsi il trofeo. Dopo la partita ci sarà la festa in Piazza Walther
Sabato, dopo la partita, tutti in Piazza Walther per la grande festa
Sabato, dopo la partita, tutti in Piazza Walther per la grande festa
Sabato 14 maggio, dopo la decisiva partita di Supercoppa di serie C, in programma allo Stadio Druso con il Modena si svolgerà la grande festa in Piazza Walther a Bolzano
Newsletter
Resta aggiornato su cosa sta succedendo nel mondo biancorosso!
 
 
 
Abbonati
 
 
Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.