07.11.2019
da Nereo Rocco ad Alex Del Piero: 26 campionati nella massima serie, ultimo nel 1995/’96
La storia del Calcio Padova inizia nel 1910. Poco importano le traversie societarie e gli impercettibili cambi di denominazione con comune denominatore il “biancoscudato”. I primi giorni di gloria negli anni ‘20 quando il club viene scelto per inaugurare il primo campionato di serie A a girone unico, poi sarà serie A anche tra il ’48 e il ’52. In questo primo scorcio del secolo molti personaggi leggendari. Uno su tutti, Silvio Appiani, il primo fuoriclasse del Padova che nella stagione 1914/15 trascinò la squadra con i suoi 18 gol in 14 partite. Il 20 ottobre 1915 il giovane volontario Appiani muore sul Carso. Si spegne il suo grande talento, rimarrà negli anni come simbolo di giovinezza e ardore per il calcio padovano, immortalato nel cemento dello stadio che dal 1924 ha preso il suo nome.

Dal 1955 al 1961 l’era di Nereo Rocco. “Il Paron”, il mister triestino poi artefice di fauste imprese al Milan, che chiamava “panzer” i suoi giocatori, impegnati sul palcoscenico dello stadio Appiani, con la gente a ridosso del terreno. Nel campionato 1956-1957 la squadra ottiene la salvezza, terminando il torneo all'undicesimo posto, ma il vero exploit è quello del torneo 1957-1958, chiuso dai patavini al terzo posto della graduatoria – miglior risultato di sempre in massima divisione – grazie a una formazione composta da Pin, Blason, Scagnellato, Pison, Azzini, Moro, Hamrin, Rosa, Brighenti, Mari (talvolta sostituito da Chiumento) e Boscolo. Nel corso della stagione lo stadio Appiani è un fortino quasi inespugnabile: cadono, tra le altre, Fiorentina, Milan, Napoli, Roma, Lazio, Torino e Bologna, per un totale di 13 vittorie a fronte di una sola sconfitta.

Nella stagione 1992-93, con in panchina Mauro Sandreani e la presenza in rosa del giovanissimo attaccante Alessandro Del Piero, cresciuto negli Allievi della società, la promozione in A svanisce di un soffio. Per il ritorno dei biancoscudati in Serie A occorre attendere il campionato 1993-94. Al termine della stagione, sotto la presidenza del commendator Marino Puggina, uno spareggio vinto 2-1 contro il Cesena il 15 giugno sul neutro di Cremona permette alla squadra veneta di risalire in massima serie dopo 32 anni di assenza. l Padova resiste due stagioni tra le grandi della Serie A, guidato dal nuovo presidente Sergio Giordani e dal tecnico Mauro Sandreani. Le gare in casa si disputano nel nuovo stadio Euganeo, inaugurato nel settembre 1994. Dopo un campionato caratterizzato da risultati importanti contro le "grandi" (vittorie in casa con Milan, Inter e un prestigioso successo al Delle Alpi di Torino ai danni della Juventus) ma modesti contro le piccole, il Padova si salva grazie allo spareggio con il Genoa, giocato a Firenze e deciso ai calci di rigore. Tra i giocatori di quell'anno c'è il difensore statunitense Alexi Lalas: anche grazie alla sua altezza (191 cm) la difesa subisce pochissimi goal di testa. Nel 1996 la squadra non riesce a bissare l'impresa, nonostante la prolifica coppia gol Goran Vlaović-Nicola Amoruso, e retrocede in Serie B. 

26 campionati nella massima serie nazionale, ultimo nel 1995/’96, 39 stagioni in B, 29 in terza divisione, 5 in quarta serie. Tanti allenatori, tanti giocatori illustri. Una lista lunghissima di personaggi famosi dell’Italcalcio.   
A seguito dell’esclusione del Calcio Padova dai campionati nazionali, il 24 luglio 2014 viene iscritta al girone C della Serie D la nuova Società Sportiva Dilettantistica Biancoscudati Padova, nata per dare continuità sportiva alla storica società cittadina. Sotto la guida tecnica di Carmine Parlato, il 19 aprile 2015, in virtù del successo 2-1 sul campo del Legnago, raggiunge la matematica promozione in Lega Pro. Chiude il campionato a 85 punti e 27 vittorie andando a battere il record precedente di successi (21 vittorie nella stagione 1947-1948).

Il 6 luglio 2015, al ritorno tra i professionisti, la società assume nuovamente la denominazione “Calcio Padova”. L’avvio del campionato di Lega Pro – girone A comincia con il Padova tra le prime in classifica, ma una serie di risultati negativi portano a fine novembre 2015 all’esonero di mister Parlato, avvicendato in panchina da Giuseppe Pillon (5. Posto finale), poi un 4. Posto e sconfitta nel primo turno dei playoff, quindi il primo posto in C (B) e l’ascesa in B nel 2018 con chiusura al 18esimo posto e retrocessione in C con in panchina prima il mister della promozione Pierpaolo Bisoli, poi Claudio Foscarini, il ritorno di Bisoli e il finale affidato a Matteo Centurioni. Quest’anno la squadra della città di Sant’Antonio è stata affidata alla guida di Salvatore Sullo.
Notizie correlate
Ti potrebbero interessare
Poluzzi è il “Giocatore del mese Putzer” di marzo
Poluzzi è il “Giocatore del mese Putzer” di marzo
Il vicepresidente biancorosso Walter Pardatscher ha consegnato all’estremo difensore la statuetta personalizzata sponsorizzata dal noto albergo-ristorante di Sciaves
Supercoppa al Modena, l’FCS festeggia in piazza
Supercoppa al Modena, l’FCS festeggia in piazza
Nella terza e decisiva gara del triangolare tra le tre vincitrici dei gironi di Serie C 2021-2022,l’FC Südtirol ospita gli emiliani, che la spuntano per 2-0 e si aggiudicano il trofeo. Dopo la partita la festa biancorossa in Piazza Walther per la storica e memorabile promozione in serie B.
Supercoppa in palio al “Druso”
Supercoppa in palio al “Druso”
Nella terza e decisiva gara del minitorneo tra le tre vincitrici dei gironi di Serie C 2021-2022 i biancorossi ospitano il Modena dell’ex Tesser (sabato 14 maggio alle ore 16.00). Dopo il successo a Bari (2-1) e il pareggio 3-3 tra Modena e Bari, alla squadra di Javorcic basterebbe il pareggio per aggiudicarsi il trofeo. Dopo la partita ci sarà la festa in Piazza Walther
Sabato, dopo la partita, tutti in Piazza Walther per la grande festa
Sabato, dopo la partita, tutti in Piazza Walther per la grande festa
Sabato 14 maggio, dopo la decisiva partita di Supercoppa di serie C, in programma allo Stadio Druso con il Modena si svolgerà la grande festa in Piazza Walther a Bolzano
Newsletter
Resta aggiornato su cosa sta succedendo nel mondo biancorosso!
 
 
 
Abbonati
 
 
Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.