15.10.2019
Intervista esclusiva con il numero 1 biancorosso
Tommaso Cucchietti è di scuola e di proprietà di una società storica come il Torino, che da sempre ha tra le priorità assolute la valorizzazione dei giovani. Arrivato con la formula del prestito annuale, il 21enne estremo difensore è nato e cresciuto a Torino e nel Torino, a dispetto della giovane età, ha già maturato esperienze significative in serie C, dove ha collezionato 66 presenze nelle due scorse stagioni.

Tommaso e il ruolo di portiere, un amore, ma non a prima vista…
“Proprio così. Ho iniziato a giocare a calcio a cinque anni, insieme ai miei amici nella Scuola Calcio del Torino. Un divertimento assoluto, poi sono iniziate le selezioni e il tecnico Silvano Benedetti mi ha chiesto di provare in porta. Avevo 7-8 anni e, a dire il vero, non ero tanto entusiasta, anche se ben presto mi sono appassionato al ruolo. Con il passare del tempo mi sono reso conto non solo di avere delle qualità per poter crescere nel ruolo, ma anche del valore e delle responsabilità che la figura del portiere aveva all’interno di quel gruppo di bambini. Mi sono affezionato e mi è piaciuto”.

Come si è sviluppata poi la tua carriera?
“Ho fatto tutta la trafila nelle giovanili del Torino. Nelle categorie più giovani non sono sempre stato nel primo gruppo, ho lavorato sodo per migliorarmi costantemente, per crescere sotto tutti i punti di vista. Grazie a tanti splendidi preparatori, che ancora oggi sento spesso e volentieri, sono riuscito a progredire. Dai giovanissimi nazionali ho capito che attraverso la costanza e l’impegno avrei potuto farmi valere. Sono arrivate le convocazioni in nazionale ed è stato un crescendo costante, fino ad arrivare alla prima squadra, con una stagione da terzo portiere in cui ho imparato davvero molto”.

L'intervista completa nell'edizione di settembre dell'FCS News.

Notizie correlate
Ti potrebbero interessare
Il Frosinone raggiunge l’FCS all’ultimo secondo
Il Frosinone raggiunge l’FCS all’ultimo secondo
Al “Druso” nella 15esima giornata d’andata la squadra di Bisoli passa in vantaggio contro i gialloazzurri ciociari primi della classe con De Col, nel primo tempo. Il pareggio ospite arriva al quinto e ultimo minuto di recupero con Monterisi. 12esimo risultato utile di fila per i biancorossi. 
Jack Poluzzi, cento volte biancorosso
Jack Poluzzi, cento volte biancorosso
Il portiere bolognese, classe 1988, entra a pieno titolo e con merito nel “Club 100” dell’FC Südtirol. E’ arrivato nel 2020 e lo scorso anno è stato uno dei grandi protagonisti della scalata in B a suon di record, tornando in una categoria che aveva solo assaporato e che ora sta gustando pienamente
De Col: "Il mister aveva pronosticato la mia rete"
De Col: "Il mister aveva pronosticato la mia rete"
In conferenza stampa l'esterno biancorosso ha commentato il pareggio interno con il Frosinone
Bisoli: "Una prova di grande coraggio, posso solo ringraziare i miei ragazzi"
Bisoli: "Una prova di grande coraggio, posso solo ringraziare i miei ragazzi"
La conferenza stampa del tecnico dopo il pareggio per 1 a 1 con la capolista Frosinone
Newsletter
Resta aggiornato su cosa sta succedendo nel mondo biancorosso!
 
 
 
Abbonati